Superbonus, Vidotto: gruppi di lavoro ad hoc per risposte univoche a utenti

Puntare sull’innovazione e promuovere l’azione di team multidisciplinari, in modo da poter rispondere al meglio alle esigenze degli utenti dinanzi alle possibilità offerte dal Superbonus 110. A lanciare una sorta di “appello” ai colleghi del settore è l’ingegnere Fabio Vidotto, fondatore del network di professionisti DetrazioniFacili.it, nel corso del suo intervento alla tavola rotonda “Primi bilanci e possibili futuri dell’Ecobonus 110%”, organizzata da Legambiente e Kyoto Club, durante il primo appuntamento dei Digital Green Weeks, a cui hanno preso parte, tra gli altri, i parlamentari Riccardo Fraccaro e Gianni GirottoIlaria Bertini (Enea) e Flavio Monosilio (Ance)

Il professionista deve saper svolgere il ruolo di regista, stare al centro, per riuscire ad aiutare il cliente in tutti i vari step, dal versante edilizia a quello della fiscalità, puntando anche sull’innovazione. Ecco perché mi sento di rivolgere un appello affinché si formino sempre più team multidisciplinari di professionisti, in grado di superare ogni difficoltà e far sì che la pratica vada a buon fine, senza accettare compromessi, per non avere poi tra l’altro alcuna paura dei possibili controlli a posteriori da parte delle Autorità preposte. È dunque necessario affidare il progetto per il Superbonus a professionisti esperti”, aggiunge Vidotto, fondatore di un network di oltre 130 studi tecnici distribuiti in tutto il territorio italiano. 

E a nome proprio di DetrazioniFacili.it, Vidotto lancia una proposta ai soggetti istituzionali presenti alla tavola rotonda: “Sarebbe utile creare gruppo di lavori eterogenei (ingegneri, avvocati, commercialisti…), insieme magari ad Enea ed Agenzie delle Entrate. La mission sarebbe chiara: poter dare sempre risposte univoche alle problematiche legate all’applicazione del Superbonus, superando così la fase delle ‘interpretazioni’ formulate da diversi soggetti. Noi di DetrazioniFacili.it diamo subito la nostra disponibilità”.