Lara Carbonaro Ferragni: i “capricci” li faccio indossare

Abbiamo intervistato Lara Carbonari Ferragni, creatrice di bijou amatissima dai vip. Ecco cosa ci ha detto.

Lara Carbonaro Ferragni doppio e bellissimo cognome, odora  di nobiltà…
In realtà il cognome Ferragni è di mio marito ma a Cremona è un cognome conosciuto, e spesso mi identificano anche così. Vado comunque fiera anche del mio!

Come sei approdata  al mondo della moda?
Il mondo della moda è molto vasto e diversificato per generi e stili, mi piace pensare che ne faccio parte in quanto negli anni sono riuscita a ritagliarmi uno stile tutto mio, a volte controcorrente rispetto allo standard del momento, facendo un po’ la mia moda e non sempre seguendola. Ecco, la mia linea Capricci Pendenti Wire, forse, si differenzia in questo e mi dà un sorta di “esclusività”. Comunque ho iniziato per hobby: sono circa 10 anni che creo gioielli in wire, disegnando e successivamente dando forma al modello.

I tuoi Capricci piacciono a molti personaggi del mondo dello spettacolo, ci puoi spiegare a grandi linee come avviene la lavorazione?
I miei Capricci vengono indossati, e mi piace dire che vestono, in quanto completano l’intero outfit del personaggio, come una cornice delinea il suo quadro. La lavorazione che utilizzo è una tecnica americana, ripresa in parte da me, ma che poi personalizzo nello stile e nelle linee. Viene utilizzato un filo, in inglese wire, di alluminio tubolare modellabile venduto a bobine di vari spessori e di vari colori. Lo lavoro solo con mani, diverse pinze e martelli dandogli la forma desiderata. Il bello di questa lavorazione è che si adatta molto alla fisicità della persona, si modella e si riesce a dare la grandezza del gioiello su misura e a proprio gusto. Poi abbino pietre naturali, cristalli, resine, legni, strass come pendenti. Mi capita di utilizzare anche altri materiali come fogli di alluminio, rame ed ottone di vari spessori e con lo studio di un paio di macchinari, dono forme particolari o geometriche con embossed (impronte) ben precise. Tutto nickel free, leggerissimi e non perdono colore.

Molti personaggi del mondo dello spettacolo indossano la tua linea. Chi sono le dive più “capricciose”? 

Negli anni mi sono fatta conoscere da un platea sempre più ampia, grazie sicuramente ai social media e alla mia determinazione, ma sicuramente anche alla collaborazione come fornitore di accessori bijoux a Mediaset in vari spot pubblicitari, programmi o personaggi. I miei primissimi “acerbi” bijoux li hanno indossati Laura Freddi, Justin Mattera, Jessica Polsky. Poi ho conosciuto personalmente una gran donna, divenuta poi amica vera: la ex Miss Italia Nadia Bengala, molto capricciosa! E ancora: Patrizia Rossetti, Gisella Donadoni, Emanuela Folliero, Laura Torrisi, Alba Parietti. Lo scorso autunno il famoso Ronn Moss (il Rigde della soap opera Beautiful) ha indossato durante la sua tournè in Italia un mio bracciale for men. Ultimamente anche Emanuela Aureli, Vera Gemma, Maria Grazia Cucinotta e l’intero cast nel film “Tutto Liscio” li hanno indossati e, per un paio d’anni, sono approdata al Gfvip con concorrenti come Carmen di Pietro, Maria Teresa Ruta, Guenda Goria e tanti altri….

Moda e spettacolo: un binomio che affascina. E’ tutto così come appare dall’esterno?
Questa domanda ha diverse sfaccettature e non un’unica risposta. Sinceramente, come si dice, non è tutto oro ciò che luccica, ma sicuramente è molto affascinante. Io indubbiamente questo binomio lo vivo in maniera indiretta, preferisco che siano in prima linea i miei gioielli e io dietro le quinte, ma negli anni mi sono presa anche le mie gran soddisfazioni, partecipando a sfilate ed eventi, da nord a sud d’Italia, ma sono uscita anche dai confini nazionali, fino ad arrivare a farmi conoscere in Australia e in America, fino a Santo Domingo e in un paio di casi a Dubai.

Programmi futuri? 
Covid permettendo, ne avrei diversi in mente, ma gli spostamenti non sono ideali in questo periodo quindi alcune cose le ho portate avanti on line, anche con dirette instagram e radio. Ma grazie ad un cara amica e bravissima giornalista e ufficio stampa Daniela Lombardi, ho potuto conoscere la grande Gabriella Carlucci, capricciosa pure lei, con la quale si sta organizzando un progetto molto bello e importante. Non posso dire più di così, speriamo quest’estate di realizzarlo. Altro progetto in cantiere con una importante consulente d’immagine per qualcosa di inedito.