Il mondo visto dal “Basso”: un bassotto è per la vita

Per l’Associazione Cuor di Pelo Onlus Rescue Bassotti, ogni bassotto in difficoltà è un amico da salvare, curare, rimettere in sesto ridandogli non solo un divano e una casa, ma la certezza che sarà amato incondizionatamente. Oggi è molto più che un’associazione, è una famiglia con più di 300 soci presieduta da Sandro Nigro. All’origine di tutto c’è un rifiuto e il dolore, lo smarrimento che ne deriva. Esistono tanti tipi di abbandono, subdoli e sottili, che possono stravolgere la vita. Sandro ha saputo trasformare il dolore in amore incondizionato per i bassotti in difficoltà, senza accorgersi, tuttavia, che in realtà erano proprio loro ad aver salvato lui. Guidati da Sandro, cerchiamo di comprendere meglio quale sia la ragione di tanto successo per Cuor di Pelo e di come sia il mondo visto dal “basso”.

Il bassotto che tipo di cane è?
Il nome è tutto un programma: piccolo, compresso, apparentemente non si fa notare e pare di poca importanza. E’ qui che ti frega un bassotto. Piccolo di statura ma dotato di grandi qualità, il bassotto si distingue per un’eleganza tutta propria e per l’assoluta convinzione di essere superiore a chi gli sta attorno. Dalla forma allungata come se fosse un tubetto di salsa di pomodori Cirio, fuoriesce un “concentrato” d’intelligenza, caparbietà e amore infinito. Sembra un tubetto del dentifricio, tascabile, da portare ovunque.  Indossa ogni mattino un portamento fiero, con un’espressione sveglia e vigile con la quale sembra dire: io sono un bassotto e voi non siete nessuno.

Di che cosa ha bisogno per essere felice?
Per essere felice ha bisogno, come ognuno di noi di essere amato e accettato per quello che è. Spesso l’errore che si fa, non solo con i cani, è quello di voler sacrificare la individualità altrui piegandola a nostro piacimento. Ogni cane, ha caratteristiche diverse e un suo preciso carattere. La nostra associazione, cerca di trovare la famiglia giusta per ognuno perché ci sia un incontro vero fatto di affinità ed esigenze compatibili. Per questi cani che hanno già dovuto patire un abbandono, è ancora più irrinunciabile non fare errori o esperimenti dettati da un momento di “tenerezza”.

Cuor di Pelo Onlus Rescue Bassotti: ci parli del “Rescue”, ovvero del luogo di prima accoglienza?
Il nostro Rescue, è una sorta di casa famiglia, di asilo dove ospitiamo e curiamo tutti i bassotti che ci vengono affidati. Per noi ogni arrivo è motivo di gioia e per il cane una vera rinascita. Il Rescue funziona grazie a un lavoro di squadra : io rispondo personalmente alle richieste di aiuto, mi prodigo per recuperarli e in seguito li affido alle nostre “cicogne” Maila e Paola, due professioniste   che dedicano il loro tempo all’Associazione assumendosi un impegno di grande responsabilità. Loro, infatti, sono le persone che devono esaminare con scrupolosità, che quello dichiarato dall’adottante sia corrispondente al vero per evitare che il bassotto, che è già stato rifiutato, abbandonato possa soffrire ancora.

Quali sono le fasi per adottare un bassotto che è affidato alla Cuor di Pelo Onlus?
Per ridare una vita, che sia degna di essere chiamata tale, non si può essere frettolosi. Da una parte non si possono nascondere, come ho detto, le peculiarità del carattere o fisiche del bassotto. Allo stesso modo occorre sempre verificare e sviscerare eventuali problematiche relative alla famiglia che  lo vorrebbe. Il bassotto non ama stare da solo, è un cane da compagnia. Se per alcune razze è sufficiente un divano o un giardino, per lui è fondamentale  non soffrire di solitudine. Noi siamo consapevoli che ha già sofferto e quindi noi non possiamo permetterci di sbagliare. Il primo step è l’appello che scrivo personalmente e che non nasconde quali siano i problemi o le peculiarità del bassotto.  Il secondo è un questionario conoscitivo, al quale fanno poi seguito una telefonata e le visite in famiglia che Paola e Maila gestiscono con attenzione dedicando moltissimo tempo. Loro si occupano di portarlo dal veterinario, di osservarne il comportamento, le abitudini offrendogli uno stallo che gli permetta anche di superare quanto subito. Non ci sono quindi tempi fissi, ma il tempo giusto per ognuno.

Un’associazione che cresce anno dopo anno: qual è il suo segreto?
Nessun segreto o ricetta magica: solo amore incondizionato per bassotti che vengono rifiutati con problemi di salute, o per sopraggiunti problemi nella famiglia che lo ospitava. In ogni caso è un cane che ha bisogno di trovare chi possa restituirgli una casa, l’affetto e le attenzioni di cui ha bisogno. La cosa più bella è che si creano legami indissolubili con chi “trova” il suo cane al Rescue. Oggi più che un’associazione, la Cuor di Pelo è una grande famiglia. Per questa ragione organizziamo durante l’anno tanti eventi che sono un’occasione per rivedersi e gioire della felicità ritrovata dei nostri piccoli amici. L’amore che si propaga è sempre magico e capace di meraviglie!