Coronavirus, Sileri: “Io su volo Wuhan per riportare 17enne a casa? Quello che inizio finisco”

Il viceministro alla Salute ospite di Tv2000: “Mascherine simbolo della paura della gente. Finché virus non circola in Italia il rischio contagio è estremamente basso”

“Quello che inizio tendo a finirlo. Quando sarà tutto pronto annunceremo il volo”. Lo ha detto il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, ospite del programma Tgtg su Tv2000, facendo capire che potrebbe essere sul volo militare che nelle prossime ore andrà a Wuhan per riportare in Italia il 17enne rimasto in Cina a causa della febbre.

“Le mascherine sono diventate il simbolo della paura delle persone”, ha proseguito Sileri a Tv2000 ma “ad oggi non vi è nessun caso in Italia di contagio avvenuto sul territorio nazionale. Dei tre casi che abbiamo, i due turisti cinesi allo Spallanzani e il ragazzo portato da noi da Wuhan la scorsa settimana, sono contagi avvenuti a Wuahn. Questo significa che fino a quando il virus non circola in Italia il rischio è estremamente basso”.