Manutenzione auto? Fatela eco-friendly!

Ecco alcuni importanti accorgimenti green per prendervi cura della vostra auto. E anche l’ambiente vi ringrazierà.

Siete nell’esercito di donne che se non ci pensa il vostro compagno all’auto non fate nemmeno caso alle innumerevoli spie che si accendono o, al contrario, siete emancipate al tal punto che tenete voi i contatti con meccanico, elettrauto e via dicendo? In entrambi i casi la prossima volta che dovrete prendervi cura del vostro macinino, che si tratti di manutenzione specifica, scelta dei ricambi o semplice pulizia, tenete bene a mente questi consigli e proponete l’alternativa green: se lo fate eco-friendly è meglio!

No al lavaggio fai-da-te
E’ la legge a stabilirlo: ai sensi del decreto 152 del 2006, cui fa eco l’articolo 15 del codice della strada, è vietato lavare l’automobile per strada o, più precisamente, è vietato gettare nel terreno acqua inquinata da detersivi (per cui neppure nel giardino di casa!). Non scegliete a caso, però, l’autolavaggio a cui rivolgervi: orientatevi verso quelli che riciclano l’acqua (di solito è ben segnalato) o, meglio ancora, selezionate i carwash che rinunciano completamente all’acqua scegliendo lavaggi a secco con apparecchiature e detergenti eco-compatibili e sfruttando la potenza di prodotti biodegradabili al 100% da nebulizzare sulla carrozzeria e rimuovere con un panno oppure quelli che optano per i lavaggi a vapore.

Ricicla l’olio
La spia dell’olio si accende ed è giunta l’ora di cambiarlo? Riciclalo! Si tratta di una sostanza altamente tossica per cui raccogliete l’olio usato in una tanica e invece di gettarlo dove capita rischiando di inquinare le falde acquifere, creando dei danni irreparabili, trasportatelo al centro di raccolta oli esausti (su http://www.coou.it/it/chi-isole.asp o chiamando al numero verde 800-863048 trovate quello più vicino a casa vostra). Se questo non è possibile bisogna contattare l’azienda incaricata del proprio Comune che verrà a ritirarlo con un mezzo adatto. In entrambi i casi potrete riciclare l’olio (che verrà usato per creare oli di base o sostituire combustibili) senza alcun tipo di costo.

Batteria? Meglio “verde”!
La vostra vi ha lasciato a piedi e dovete sostituire la batteria? Compratela eco: si tratta di una nuova generazione di batterie chiamate AGM o al gel che sono decisamente meno inquinanti di quelle tradizionali perché fornite di un sistema che imprigiona l’acido. Ricordate di smaltire la vecchia batteria nelle isole ecologiche per evitare che i metalli pensanti contenuti al suo interno vengano dispersi nell’ambiente.

di Sonia Russo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...