auto-2749830_960_720Ecco alcuni importanti accorgimenti green per prendervi cura della vostra auto. E anche l’ambiente vi ringrazierà

Che si tratti di manutenzione specifica, scelta dei ricambi o semplice pulizia, quando si tratta di prendersi cura della propria auto c’è un solo imperativo: eco-friendly è meglio! Il nostro macinino già di per sé ha un notevole impatto ambientale sul nostro pianeta. Per quanto possiamo, è quindi bene cercare di ridurre al minimo indispensabile l’inquinamento che produciamo. Come fare? Basta tenere bene a mente questi consigli e preferire sempre l’alternativa green.

No al lavaggio fai-da-te
E’ la legge a stabilirlo: ai sensi del decreto 152 del 2006, cui fa eco l’articolo 15 del codice della strada, è vietato lavare l’automobile per strada o, più precisamente, è vietato gettare nel terreno acqua inquinata da detersivi (per cui neppure nel giardino di casa!). Non scegliete a caso, però, l’autolavaggio a cui rivolgervi: orientatevi verso quelli che riciclano l’acqua (di solito è ben segnalato) o, meglio ancora, selezionate i carwash che rinunciano completamente all’acqua scegliendo lavaggi a secco con apparecchiature e detergenti eco-compatibili e sfruttando la potenza di prodotti biodegradabili al 100% da nebulizzare sulla carrozzeria e rimuovere con un panno oppure quelli che optano per i lavaggi a vapore.

Ricicla l’olio
La spia dell’olio si accende ed è giunta l’ora di cambiarlo? Riciclalo! Si tratta di una sostanza altamente tossica per cui raccogliete l’olio usato in una tanica e invece di gettarlo dove capita rischiando di inquinare le falde acquifere, creando dei danni irreparabili, trasportatelo al centro di raccolta oli esausti (su http://www.coou.it/it/chi-isole.asp o chiamando al numero verde 800-863048 trovate quello più vicino a casa vostra). Se questo non è possibile bisogna contattare l’azienda incaricata del proprio Comune che verrà a ritirarlo con un mezzo adatto. In entrambi i casi potrete riciclare l’olio (che verrà usato per creare oli di base o sostituire combustibili) senza alcun tipo di costo.

Batteria? Meglio “verde”!
La vostra vi ha lasciato a piedi e dovete sostituire la batteria? Compratela eco: si tratta di una nuova generazione di batterie chiamate AGM o al gel che sono decisamente meno inquinanti di quelle tradizionali perché fornite di un sistema che imprigiona l’acido. Ricordate di smaltire la vecchia batteria nelle isole ecologiche per evitare che i metalli pensanti contenuti al suo interno vengano dispersi nell’ambiente.

di Sonia Russo

 

Annunci