011744580-d954323f-c814-4f11-8b6c-f2b5dc1e8719Diciamolo, Ermal Meta e Fabrizio Moro sono stati senza dubbio i protagonisti assoluti di questo Festival di Sanremo. Dopo il rischio squalifica per i sospetti di autoplagio, il brano Non mi avete fatto niente, è stato “assolto” e, dato per favorito in tutti pronostici, ha conquistato il gradino più alto del podio. Si tratta di un brano orecchiabile che veicola un messaggio forte contro il terrorismo, piaga sociale dei nostri tempi. Un messaggio che ha battuto la carica coinvolgente de Lo Stato Sociale, che si piazza al secondo posto con Una vita in vacanza, e la voce potente di Annalisa, terza classificata con Il mondo prima di te. “Mi sembra incredibile, ero convinto che saremmo arrivati terzi visto che avevo fatto l’abbonamento di tre anni, ma questo mi è saltato – ha scherzato Ermal Meta -. Sono felice non tanto per la classifica ma per quello che rappresenta la canzone, sono contento sia arrivata a tutti”. Inevitabile una battuta sulla questione plagio: “Ci siamo sentiti feriti e attaccati ingiustamente – ammette il cantante – ma in questo momento non c’è rancore. E’ andato tutto al suo posto”. “C’è talmente tanta gioia – gli fa eco Moro – che non c’è spazio per altro. Personalmente sono così abituato a superare gli ostacoli e a trasformarli in energia positiva che quello che è successo mi ha dato la forza per interpretazioni migliori”.

Di Sonia Russo

 

Annunci