034324450-494994a4-627f-4367-ade4-7c2ecf97caa3Alla fine la decisione della Rai è arrivata: Ermal Meta e Fabrizio Moro sono stati sospesi dalla gara. Dopo l’esordio nella prima serata del Festival, dunque, questa sera i due artisti non si esibiranno e al loro posto salirà sul palco dell’Ariston Renzo Rubino, previsto in scaletta nella serata di domani e inserito dopo un’estrazione a sorte alla presenza di un notaio. Non si parla ancora di squalifica dunque: l’organizzazione della kermesse musicale, infatti, ha deciso di sospendere la loro esibizione “in attesa di approfondimenti tuttora in corso sulla vicenda della presunta violazione del regolamento del Festival da parte della canzone”. A scatenare le polemiche, come mi avevamo anticipato QUI, l’estrema somiglianza del loro brano Non mi avete fatto niente con un’altra canzone sanremese, Silenzio, già presentata a Sanremo Giovani 2016 e scritto dallo stesso autore, Andrea Febo, del brano in gara quest’anno.

In mattinata, nel corso della conferenza stampa quotidiana all’Ariston, il vicedirettore di RaiUno Claudio Fasulo aveva spiegato che “il brano ha i requisiti di canzone nuova” e che “l’autore aveva dichiarato fin da subito la rielaborazione di un suo brano”, come previsto dal regolamento. Quanto alla scomparsa del video del brano del 2016, repentinamente rimosso dal sito della Rai, “non c’era più perché l’autore aveva già richiesto la cancellazione”, aveva aggiunto Fasulo.

In caso di riammissione in gara, Meta e Moro si esibiranno nella serata di domani. Nel frattempo sul web i fan dei due cantanti si sono scatenati: l’hashtag #iostoconMetaMoro è trending topic sui social, e sono migliaia i messaggi a sostegno dei due artisti. Che, nell’attesa del verdetto finale, hanno finalmente rotto il silenzio. Ecco le parole di Ermal Meta:

IMG_20180207_205044

Di Sonia Russo

Annunci