2341580658_5ecb8982eb_zE’ bufera sui social: la Ferrero ha deciso di cambiare (leggermente, in realtà) la ricetta della sua mitica crema spalmabile alle nocciole e i fan sono insorti. Al grido di #boycottNutella, i golosi di tutta Europa si sono uniti per ribellarsi alla nuova formula della Nutella. I primi ad accorgersi della novità sono stati i consumatori tedeschi dell’Hamburg Consumer Protection Center, insospettiti dal colore più chiaro e brillante del solito. In effetti, dall’Italia, Ferrero ha confermato, precisando però che qualità e gusto della Nutella rimangono invariati nonostante le piccole modifiche che periodicamente vengono apportare alla ricetta. In particolare, la nuova Nutella ha più zucchero e latte in polvere  e meno cacao e nocciole.  Nello DSC_0109specifico, gli zuccheri, sono passati dal 55,9 a 56,3% e il latte scremato in polvere dal 7,5 all’ 8,5%. Diminuita, di contro, la quantità di grassi, passata da 31,8 a 30,9%. I fan, però, non hanno gradito e, sentendosi traditi dai creatori della leggendaria crema spalmabile, sui social hanno scatenato una vera e propria guerra contro l’azienda produttrice. Insomma, l’ennesimo colpo per la Nutella che, dopo le critiche per aver voluto mantenere nella sua ricetta l’olio di palma, è finita di nuovo nel mirino nei consumatori, anche con le recenti polemiche sollevate dall’agenzia ungherese per la sicurezza alimentare: secondo la suddetta agenzia, infatti, i vasetti della crema di nocciole venduti in Ungheria sembravano “meno cremosi” rispetto a quelli venduti nella vicina Austria. In tutto questo caos di accuse e boicottaggi, però, un’unica certezza rimane: che mondo sarebbe senza Nutella?

Di Sonia Russo

nutella-6_08021630

Annunci